Come scegliere una lampadina a risparmio energetico

Mai come adesso siamo di fronte ad un cambiamento epocale sul fronte delle lampadine ad uso domestico.

Quanti si saranno trovati ultimamente a dover cambiare una o più lampadine e ormai non trovando più quelle tradizionali ad incandescenza , si saranno chiesti con evidente imbarazzo , cosa scegliere.

Come scegliere una lampadina a risparmio energetico

Vista la grande offerta nel mercato di lampadine alogene depotenziate (es. resa come una 60 Watt ma col consumo di una di 42 Watt) , a fluorescenza compatte (FCL) e le ultime e più tecnologiche a LED, moltissimi di voi si saranno affidati al rivenditore o al prezzo o al sentito dire, per fare una scelta quantomeno appropriata, nella speranza di non aver commesso degli errori nell’acquisto.

Le vecchie lampadine ad incandescenza ci hanno accompagnato con la loro luce per più di un secolo, negli ultimi quindici anni ne sono comparse altre con sorgente luminosa completamente differente, è naturale essere confusi e disorientati.

Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza su come scegliere una lampadina

Solitamente l’errore piu’ grande che si commette è quello di scegliere una lampadina solo ed esclusivamente in base al prezzo.

Le FCL o le lampadine a LED funzionano grazie all’elettronica montata a bordo, che determina efficienza luminosa e durata di funzionamento. Sara’ difficile, se non impossibile trovare lampadine FCL o LED economiche di basso prezzo, che possano garantirvi un a resa cromatica buona (IRC o CRI, parleremo in un altro articolo di questo indice molto importante) ed una durata che si avvicini alle 10.000 ore per le FCL e 25.000 ore per quelle a LED.

Le lampadine alogene depotenziate non rientrano in queste considerazioni, in quanto non hanno elettronica a bordo e la differenza tra una buona lampadina di marca ed una di importazione non e’ mai così elevata come le altre due.

Per scegliere bene una lampadina, bisogna aver chiaro come e dove la volete utilizzare.

Se dovete illuminare una cantina , il vano scala , una soffitta , camera da letto, dei posti dove la durata di utilizzo della sorgente luminosa e’ molto limitato, meno di un ora al giorno, la scelta giusta è quella di una lampada alogena depotenziata, basso costo, ottima resa luminosa con CRI pari a 100 e consumi più che accettabili visto l’utilizzo sporadico.

Come scegliere una lampadina

In ambienti come il soggiorno, la cucina, dove si usa la luce per molte ore al giorno la scelta va ormai verso le CFL o le lampadine a LED.

Le FCL vanno molto bene quando si dispone di pochi punti luminosi per illuminare la stanza perché hanno flussi luminosi molto alti. Sono molto sensibili alle frequenti accensioni che ne accorciano la durata di funzionamento, inoltre nei modelli economici (Consumer) il CRI è inferiore agli altri tipi di lampadine (CRI 70), pertanto il comfort visivo è minore e per ovviare a questo si deve necessariamente optare per lampadine di fascia alta (Professional), che garantiscono flussi luminosi maggiori e buona resa cromatica (CRI 80).

Su un arco temporale di tempo di 25.000 ore di funzionamento le FCL battono si gran lunga le alogene depotenziate sul piano del risparmio energetico e sono ancora vicine a quelle a LED, sono comunque destinate ad essere distanziate a breve da queste ultime in quanto l’evoluzione tecnologica sul LED ha margini enormi di miglioramento.

Le lampadine a LED sono ottime negli ambienti domestici dove l’utilizzo è prolungato nell’arco del giorno, dove ci sono molte accensioni e ci sono molti punti luminosi. La temperatura ottimale in casa è la 3000K WW (warm white), molto bella è anche la 4000K NN (natural white), ma qui siamo sul gusto personale.

Comunque più la temperatura colore si alza, migliore e’ l’efficienza luminosa, pari empiricamente ad un + 10% per ogni 1000K di aumento di temperatura colore.

Le lampadine LED sono adattissime per l’illuminazione degli esterni e del giardino e stanno soppiantando tutte le altre. La Normativa prevede sul LED un CRI non inferiore ad 80, attorno a questi valori si trovano tutte le lampadine a LED a basso costo, anche come vita di funzionamento non dovete aspettarvi durate eccezionali.

Lampadine a LED con CRI uguale superiore a 90 garantiscono durate di vita e confort visivo molto alti. Sono ancora abbastanza costose ma confrontate sempre su una durata di funzionamento di 25.000 ore, sono in assoluto le piu’ performanti sotto il profilo di risparmio energetico e conseguente ritorno di investimento, ricordiamoci che un anno è composto da 8760 ore.

Ultima cosa da sapere, le lampadine LED avranno sempre i parametri inferiori ai sistemi LED (chip-ottica- driver) che ormai sono installati in tanti apparecchi di illuminazione, in quanto il chip LED ed il driver elettronico installati, hanno prestazioni nettamente superiori per durata 40.000-50.000 ore e per resa luminosa superiore dal 40-50%.

Richiedi maggiori informazioni su come scegliere una lampadina!

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here