Illuminazione_per_esposizioni

Come avere una corretta illuminazione per esposizioni.

Illuminazione_per_esposizioni
LAM – Storm 1

Chi non fa parte degli addetti ai lavori, non ci fa caso: ammira l’opera d’arte senza curarsi degli apparecchi luminosi studiati appositamente per valorizzarla ancora di più.

Nonostante ciò, uno dei settori in cui la cultura della luce richiede maggiore impegno è l’illuminazione per esposizioni all’interno, o all’esterno, di gallerie d’arte, palazzi storici e chiese.

L’obiettivo principale dell’illuminazione per esposizioni è favorire la fruizione dell’opera d’arte e al tempo stesso proteggerla dai danni che la radiazione luminosa può provocare sui materiali più sensibili.

La fruizione dell’opera richiede una sapiente regia luminosa in grado di capire ed interpretare nel modo giusto il rapporto tra l’opera e la luce.

Pertanto, nell’illuminazione per esposizioni va posta particolare attenzione alla qualità cromatica dell’opera, alla scelta di sorgenti luminose di elevata qualità e all’equilibrio dello spettro di emissione luminosa.

Quali sono gli apparecchi più utilizzati nell’illuminazione per esposizioni?

I proiettori per interni, installati sui binari elettrificati, consentono ad esempio di avere impianti di illuminazione facilmente modificabili. Una seconda soluzione è invece rappresentata dagli incassi da interni, ideali per creare soluzioni sia di luce generale sia di luce d’accento, nascondendo il corpo dell’apparecchio e lasciando fuoriuscire dal soffitto solo la luce.

Per una corretta illuminazione per esposizioni, noi di LAM consigliamo il modello Storm 1 della collezione Bloom (foto).

Per quanto riguarda le luci da esterno, le facciate invitanti di un museo possono essere ulteriormente valorizzate dall’illuminazione. Le facciate rischiarate comunicano al visitatore del museo la sensazione di entrare in un edificio aperto e trasmettono già da lontano un invito.

Nei musei, luoghi d’esposizione artistica per eccellenza, gli architetti, i lighting designer e i curatori della mostra devono riunire le loro forze per realizzare anche nell’illuminazione i massimi standard qualitativi.

Una buona illuminazione in un museo soddisfa infatti sia le esigenze dei visitatori che quelle dei conservatori dei beni esposti.

Comfort visivo, percepibilità ottimale degli oggetti esposti, economicità e sostenibilità sono tutti i fattori di cui tenere conto nel momento in cui si allestisce l’illuminazione di un’esposizione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here